Campagna associativa confcommercio 2015
sei in: News->Tutto sugli allergeni


allergeni
21 Novembre 2014
VIII° tappa della tabella di marcia:
”se si è scelta l’opzione 2 ( informazione orale a richiesta) come ci si deve comportare, anche per superare felicemente i controlli ufficiali?”

Giorgio Sartori
(Direttore Confcommercio Verona)


prima di tutto dobbiamo costruire una lista “ingredienti/allergeni”–“piatti/vivande” ispirandoci al Manuale di Corretta Prassi igienica della FIPE.

La lista (“book allergeni”) va conservata in un luogo accessibile per essere facilmente consultata dal personale e, a richiesta, anche dal cliente.

E’ consigliabile una sua struttura a fogli mobili affinché il responsabile di cucina, al variare dei prodotti e/o delle ricette, possa agevolmente e tempestivamente modificarne i contenuti. Anche un timbro con data e una firma del capo chef ad ogni variazione, come pure una traccia dell’aggiornamento dell’informazione nei confronti del personale di sala e/o degli addetti alla vendita ( basterebbe una firma del dipendente informato sul foglio aggiornato) renderebbe più semplice e soddisfacente il controllo da parte degli ispettori.


Luca Dal Poz
(Direttore Confcommercio Belluno)

bisogna anche mettere in condizione il cliente di comprendere per tempo, prima dell’ordinazione, che nel locale/negozio può chiedere tutte le informazioni che vuole sulla eventuale presenza di allergeni nelle pietanze. Diventa pertanto importante esporre in bella vista ( su un manifesto, una lavagna o direttamente sul menu) una frase del tipo:
“Caro ospite/cliente, se hai delle allergie e/o intolleranze alimentari chiedi pure informazioni sul nostro cibo e sulle nostre bevande. Siamo preparati per consigliarti nel migliore dei modi.”

Ma in una regione fortemente turistica come la nostra, tenendo anche conto che nel corso del 2015 a Milano e a Venezia si celebrerà EXPO2015, sarebbe una buona cosa se gli operatori si rivolgessero agli ospiti anche in lingua straniera, almeno in inglese : “Dear customer, our staff will be happy to help you choose the best dish related to any specific food allergy or intolerance issue. Our staff is well trained and we hope we will find the best way to satisfy our customers and also meet your specific needs.


Piero Tedesco
(Direttore Confcommercio Treviso)

la terza cosa importante da fare è la formazione. Alcune nozioni sugli allergeni ( che cosa sono, come agiscono sulle persone, come ci si deve difendere, come il cliente vada informato) ve le abbiamo già fornite in pillole in questa rubrica. Ma per evitare di subire sanzioni, dobbiamo essere sicuri di sapere individuare correttamente gli allergeni in cucina e di farlo sapere in modo chiaro e comprensibile ai clienti Dobbiamo, quindi, poter dimostrare in ogni momento che siamo organizzati, strutturati e preparati per consentire al cliente una scelta alimentare consapevole. 

Non appena saranno pubblicati i primi atti governativi sulla tematica (circolare, decreto, regolamento o altri) sarà possibile avere l'indispensabile certezza normativa che ci consentirà di completare i contenuti del corso e fornire quindi informazioni e notizie esaurienti  e corrette agli interessati al fine di consentire loro di adempiere consapevolmente agli obblighi del Regolamento UE e superare indenni eventuali controlli ispettivi.

Nel frattempo su questo sito non mancheremo di aggiornare giorno dopo giorno le informazioni sull'intera problematica degli allergeni."

 

Allegati




Tutto sugli allergeni

Da sabato 13 dicembre 2014 tutte le imprese della filiera alimentare ( dai produttori, ai commercianti, agli esercenti) dovranno informare i clienti che ne facciano richiesta della eventuale presenza di allergeni nel cibo venduto o somministrato.

Confcommercio Veneto (CCV) insieme alle Ascom territoriali ha messo a punto una tabella di marcia perché le imprese associate possano rispettare l’impegno in assoluta serenità, offrendo alla propria clientela un’informazione accurata ed esauriente su una materia delicata come è quella della salute di tutti noi.

CCV vi offre una tabella di marcia con la quale è possibile scegliere come volete che i vostri ospiti vengano informati. Semplici presentazioni e strumenti per i membri CCV felici di aiutarvi a fare conoscenza con la nuova normativa in materia di allergeni.

Leggi

I° tappa della tabella di marcia :
“che cosa sono le allergie e le intolleranze alimentari?”.

Leggi

II° tappa della tabella di marcia:
”quali sono i prodotti alimentari suscettibili di generare in alcune persone allergie o intolleranza?”

Leggi

III° tappa della tabella di marcia:
”in che cosa consiste il nuovo obbligo di etichettatura?”

Leggi

IV° tappa della tabella di marcia:
”quali sono gli imprenditori che devono rispettare l’obbligo informativo sugli allergeni e quali sono le sanzioni per i trasgressori?”

Leggi

V° tappa della tabella di marcia:
”come ci si deve comportare per la messa in vendita di prodotti pre-imballati?”

Leggi

VI° tappa della tabella di marcia:
”come ci si deve comportare per la messa in vendita di prodotti non pre-imballati?”

Leggi

VII° tappa della tabella di marcia:
”come scegliere al meglio tra le due soluzioni per garantire al consumatore le informazioni sugli allergeni nei prodotti alimentari non pre-imballati?”

Leggi

IX° tappa della tabella di marcia:
”come mi devo comportare con i miei fornitori di prodotti alimentari?”

Leggi

allergeni


Come applicare la nuova normativa sugli allergeni