arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

Comunicazione

Comunicazione

Eventi Confcommercio

VENETO, SEMPRE PIÙ OCCUPATI NEL TERZIARIO

VENETO, SEMPRE PIÙ OCCUPATI NEL TERZIARIO

Confcommercio, presentato oggi a Roma il Rapporto sulle Economie territoriali

Il presidente regionale Zanon:Valorizzare i nostri settori, diminuire il carico fiscale”
 
Veneto: in dieci anni il tasso di disoccupazione è cresciuto del 3%, quella giovanile sfiora addirittura il +10% rispetto al 2008, a fronte di un aumento (anche se timido) della popolazione. Impercettibile la crescita dei consumi, mentre il saldo della nati-mortalità delle imprese rimane negativo. A stemperare gli effetti di un decennio di crisi è il terziario, che copre quasi il 63% della totalità degli occupati, con le piccole e medie imprese legate soprattutto al turismo e ai servizi, e con la provincia di Venezia che supera la media nazionale di occupati in questi settori (70,6% contro il 70,1%).
Crescita negativa a luglio, la svolta non arriva

Crescita negativa a luglio, la svolta non arriva

Dopo un primo semestre di crescita prossima allo zero, le possibilità di una ripresa che vada oltre un paio di decimali per il complesso del 2019 si vanno via via riducendo. Il quadro dei consumi appare poco rassicurante, nonostante il modesto miglioramento di giugno.

 
La stima del PIL mensile di luglio, -0,3% congiunturale, indica con chiarezza come anche il terzo trimestre difficilmente rappresenterà un punto di svolta per la nostra economia. Dopo un primo semestre di crescita prossima allo zero, le possibilità di una ripresa che vada oltre un paio di decimali per il complesso del 2019 si vanno via via riducendo. Il quadro dei consumi appare poco rassicurante, nonostante il modesto miglioramento di giugno. Nel secondo trimestre, sia in termini congiunturali sia su base annua, la variazione è stata sostanzialmente nulla. La prolungata stagnazione e l'indebolimento della congiuntura internazionale stanno portando l'inflazione su nuovi minimi. In questo panorama è possibile che anche i miglioramenti che si registrano dal lato dell'occupazione si esauriscano nei prossimi mesi.
Top