arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Bando per aggregazioni di PMI per l’orientamento alla domanda turistica e ai mercati internazionali

POR FESR 2014-2020

Azione 3.3.4 “Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche, attraverso interventi di qualificazione dell’offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa”
Sub-Azione D “Promozione”
 

Finalità del bando

Il presente bando è finalizzato a promuovere e sostenere l’attivazione, sviluppo, consolidamento di aggregazioni di PMI, quali Reti di imprese, Associazioni temporanee di impresa (ATI), Associazioni temporanee di scopo (ATS), Consorzi per la realizzazione di interventi – gestiti unitariamente – che favoriscano l’orientamento alla domanda e ai mercati internazionali delle imprese aderenti.

BENEFICIARI

Minimo 9 PMI aggregate nella forma di:

  • Rete soggetto / Rete contratto
  • ATI/ATS
  • Consorzi (e società consortili) attraverso l’individuazione puntuale delle imprese consorziate che aderiscono al progetto.

Le aggregazioni dovranno avere i seguenti requisiti:

- almeno 1/3 delle imprese aggregate deve essere composto da strutture ricettive (così definite dall’articolo 23, 24, 26, 27 e 27 ter della l.r. n. 11/2013. Agriturismi e locazioni turistiche sono esclusi.);
- almeno 1/3 delle imprese aggregate deve avere sede operativa in Comuni già aderenti a OGD riconosciute;
- partenariato di una o più OGD ai fini della verifica di coerenza fra il progetto di promozione dell’aggregazione e le strategie della/i destinazione/i interessate.

INTERVENTI AMMISSIBILI

Sono ammessi interventi orientati prevalentemente ai mercati internazionali, ovvero almeno il 60% delle spese ammissibili deve riguardare attività rivolte a mercati e partner internazionali.

Spese ammissibili in regime «de minimis»:
 
a) spese per l’acquisto di beni mobili e servizi funzionali all’adeguamento dei prodotti turistici ai mercati target cui si intende rivolgere la promozione (max 25% del totale delle spese alle lettere b), c), d));
b) spese di assistenza tecnico-specialistica per lo sviluppo e coordinamento del progetto;
c) spese per la predisposizione o revisione del sito internet del progetto e per la sua pubblicizzazione;
d) altre spese per la promozione e la commercializzazione dei prodotti turistici (es. incontri domanda/offerta, pubblicità, iniziative di incoming di Tour Operator e relative spese di viaggio, vitto, alloggio);
e) spese per costituzione/aggiornamento dell’aggregazione (max 5000€);
f) spese per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari o da Confidi;
g) spese di personale dipendente per la promozione (costo forfettario max 5% del totale delle spese di cui alle lettere c) e d)).
 
 
Spese ammissibili in regime di esenzione:
 
h) spese di consulenza propedeutiche all’attività di promo-  commercializzazione di cui alla voce d), nel limite max del 20% delle spese di cui alle lettere a), b), c), d), i);
i) spese per la partecipazione a fiere: locazione dello stand (spazio espositivo e allestimento); servizi esterni di progettazione, montaggio dello stand, trasporto dei materiali e dei prodotti; costi di gestione dello stand relativi all’utilizzo di servizi esterni, quali, ad esempio, hostess/steward, traduttori e interpreti;
j) spese di personale dipendente per la partecipazione a fiere (costo forfettario max 5% delle spese di cui alla lettera i).

DOMANDE

dal 29 ottobre 2019
al 27 febbraio 2020

Valutazione a graduatoria

Conclusione progetto entro 24 mesi dall'ammissione a sostegno.

CONTRIBUTO

Contributo a fondo perduto nel limite del 50% della spesa ammissibile, concesso in regime «de minimis» o in regime di esenzione a seconda delle tipologie di spesa.
 
Contributo minimo € 50.000 per una spesa minima di € 100.000
 
Contributo massimo € 300.000 per una spesa pari o superiore a € 600.000
 

Dotazione finanziaria: € 2.500.000,00 (duemilionicinquecentomila/00)

Top