arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Cassa integrazione in deroga anche per le micro imprese

La soddisfazione del presidente Bertin per l’accordo sottoscritto ieri in Regione: “È un primo passo fondamentale per sostenere queste attività in un momento così drammatico”.
 
 
Confcommercio Veneto esprime soddisfazione per l’accordo sottoscritto oggi in Regione relativo all’applicazione della Cassa integrazione in deroga per tutte le micro-imprese, quelle con meno di 5 dipendenti, finora escluse dagli ammortizzatori ordinari. L’accordo prevede una copertura per un massimo di 30 giornate lavorative.
 
Confcommercio Veneto, assieme alle parti sociali, ha già chiesto e concordato di utilizzare una procedura semplificata per l’accesso al sostegno al reddito, con ricorso agli Enti bilaterali di modo da garantire tempi veloci e superamento della burocrazia.
 
“È un primo passo fondamentale per sostenere queste attività in un momento così drammatico – commenta il presidente regionale Patrizio Bertin – Un doveroso e sentito ringraziamento va all’assessore Donazzan per la tempestività con cui si è attivata e prodigata assieme alla sua struttura, e alle parti sociali per la collaborazione”.
 
L’attenzione si sposta adesso sul livello nazionale dov’è in corso un ragionamento per garantire strumenti univoci per tutte le imprese che occupano più di 5 dipendenti. In particolare, a Roma Confcommercio sta dialogando con il governo al fine di estendere a questo tipo di imprese lo strumento del Fondo integrativo salariale (Fis).
 
Top