arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Digitalizzazione PMI: da Unioncamere 100 milioni in tre anni

L'annuncio è arrivato dal presidente Carlo Sangalli durante l'assemblea dei presidenti delle Camere di commercio a Treviso. Il piano triennale è stato approvato dal Ministero dello Sviluppo economico.
 
 
Le Camere di commercio italiane metteranno a disposizione 100 milioni di euro nel prossimo triennio per assistere la trasformazione digitale delle PMI. Il piano triennale è stato approvato dal Ministero dello Sviluppo economico. La notizia è stata annunciata dal presidente di Unioncamere, Carlo Sangalli, durante l'assemblea dei presidenti delle Camere di commercio a Treviso, alla quale ha partecipato anche il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. "Nello scorso triennio ci siamo impegnati soprattutto a favore della digitalizzazione e del Pano Impresa 4.0.  Abbiamo coinvolto - ha spiegato Sangalli - oltre 70mila imprese aiutandole in questo percorso di transizione. Ora pensiamo di investire altri 100 milioni di euro nel prossimi tre anni in questo programma che affianca le linee di supporto alle imprese per l'internazionalizzazione, il sostegno ai territori per il turismo e di aiuto ai giovani nell'orientamento al lavoro". E sono già 70mila gli imprenditori che hanno utilizzato i servizi dei Pid (Punti impresa digitale) gestiti dalle Camere  di commercio per affiancare le imprese nel processo di digitalizzazione. Inoltre nel 2017 e nel 2018 le Camere hanno realizzato 80mila iniziative di orientamento per aiutare i giovani a individuare il percorso di studio più adatto alle loro capacità. Quanto ai mercati esteri, le Camere assisteranno 10mila pmi con programmi "porta a porta" in collegamento con le Camere di commercio all'estero.
 
 
 
Fonte Confcommercio
Top