arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Fiva su sacchetti biodegradabili: "Noi i sacchetti da sempre li regaliamo al cliente"

 
"Noi i sacchetti per frutta e verdura li abbiamo sempre regalati e continueremo a farlo, senza far pagare nulla al cliente".  Parole del  presidente della Fiva-Confcommercio, la Federazione Italiana Venditori Ambulanti, l'associazione di categoria più rappresentativa di questo tipo di commercio, in merito alla vicenda dei sacchetti ultraleggeri per alimenti. Un universo composto complessivamente da 200 mila imprese, di cui circa 50 mila che operano nel settore alimentare, mercati rionali compresi. "Per quanto ci riguarda è una polemica senza senso", afferma Errico, nel precisare che "per noi non cambia niente, perché i sacchetti di carta, che non sono vietati, non li abbiamo mai fatti pagare al cliente e così faremo, un modo per coccolarlo". Quanto al peso della busta, il presidente tiene a precisare che "la bilancia da sempre è tarata sul peso del sacchetto di carta e continuerà ad esserlo. E quindi se un cliente acquista 1 chilo di zucchine, la merce sarà messa nel sacchetto di carta e poi nella sporta biodegradabile che abbiamo sempre usato. Tutto questo senza fargli pagare niente". 
 
Fonte Confcommercio
Top