arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Workshop ieri a Padova sui nuovi strumenti fiscali per chi innova nel Terziario

TRASFORMAZIONE DIGITALE, NORDEST DAVANTI A TUTTI
ASSINTEL E CONFCOMMERCIO VENETO: “CONFERMARE GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE”
 
Il 38% delle aziende del Nord Est hanno già superato la metà del percorso di trasformazione digitale, vincendo il primato rispetto alle altre aree d’Italia (la media è del 29%). Un’azienda su quattro invece ancora non ha definito una vera e propria strategia, ed è forse su queste che si gioca la partita maggiore in tema di digitalizzazione. Da questi dati iniziali, che emergono dalla ricerca Assintel Report 2019, è nata l’idea di proporre alle imprese della regione una panoramica sugli incentivi all’Innovazione disponibili tramite il Decreto crescita e la Finanziaria. 
 
Durante il convegno, tenutosi a Padova il 18 giugno e frutto della sinergia fra la Confcommercio Veneto e Assintel (associazione nazionale imprese ICT), si è parlato dei nuovi strumenti di incentivazione fiscale previsti con la Finanziaria 2019 e il Decreto crescita per il software e le imprese IT. 
 
Fra i temi trattati, il contributo per investimenti in blockchain, le ricapitalizzazioni aziendali e la trasformazione digitale delle imprese, per le quali il governo - all'interno del piano “Impresa 4.0” - ha confermato la  volontà di favorire gli investimenti connessi all'innovazione aziendale, in particolare in relazione allo sviluppo e all'implementazione dell'IT con una serie di incentivi fiscali e contributi.
 
Durante il workshop, è stata effettuata una panoramica anche sugli strumenti più generali e relativi alle imprese di tutti i settori, quali il superammortamento per i beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni), iper ammortamento per beni materiali strumentali nuovi, e credito d’imposta sulle spese in ricerca e sviluppo delle aziende, che dovrebbe includere anche le attività finalizzate all’innovazione di processo e organizzative. 
 
“Su questo punto MISE e Agenzia delle Entrate spesso propongono interpretazioni contrastanti, a volte estensive e a volte restrittive, che disorientano le nostre imprese – commenta Giovanni Maria Martingano, coordinatore Assintel Veneto - Auspichiamo che i dubbi vengano chiariti al più presto, confermando l’incentivo a chi ha investito o deciderà di investire in innovazioni di processo, che sono – tecnologie a parte – la vera anima della digitalizzazione.”
 
“Incentivare l’introduzione e l’utilizzo di questi strumenti è sempre più importante – afferma il direttore di Confcommercio Veneto Eugenio Gattolin – C’è bisogno di nuove figure professionali e nuove strategie che ci accompagnino in questo percorso di trasformazione. Attraverso Assintel, Confcommercio Veneto è in grado di fornire questa tipologia di servizio, a partire dalle figure professionali emergenti, come ad esempio l’innovation manager, capaci di supportare le imprese del terziario nella digitalizzazione dei processi. Ci vogliono però meno burocrazia e strumenti fiscali certi per favorire le attività di ricerca legate al business di tutti i nostri settori, dal commercio al turismo, dai servizi ai trasporti, per una migliore competitività d’impresa”.
 
 
 
 
Per informazioni
 
Assintel è l’associazione nazionale di riferimento delle imprese ICT e digitali e aderisce a Confcommercio – Imprese per l’Italia. Rappresenta le imprese presso autorità ed istituzioni, ne tutela gli interessi e progetta iniziative e servizi a loro concreto supporto. 
Interpreta le esigenze dell’ecosistema di partnership, composto da operatori globali e locali che operano su tutto il territorio e nei diversi segmenti del mercato, ed è in prima linea per favorire lo sviluppo di una cultura dell’Innovazione tecnologica nel Sistema-Paese.
 
 
Top